Zaha Hadid

 

Zaha Hadid è stato un architetto che ha forzato decisamente i limiti dell’architettura e dell’urbanistica. Nel suo lavoro ha esperimentato nuovi concetti di spazio intensificando gli scenari urbani esistenti, alla ricerca di un’estetica visionaria che includa tutti i campi di applicazione, dall’urbanistica al design di prodotti, dall’architettura d’interni all’arredamento. Nota soprattutto per le sue creative opere realizzate (la stazione dei vigili del fuoco Vitra, il land Formation-one, il trampolino da salto di Bergisel, il terminal della rete tranviaria a Strasburgo, il Rosenthal centre for Contemporary Art a Cincinnati, la sede centrale della BMW a Lipsia, gli interni dell’hotel Puerta America a Madrid, l’ampliamento dell’Ordrupgaard Museum a Copenaghen e il museo della scienza Phaeno a Wolfsburg, i suoi interessi principali l'hanno impegnata nell’attività di progettazione, d’insegnamento e di ricerca. Hadid ha studiato architettura presso l’Architectural Association dal 1972 e conseguì il diploma nel 1977. Divenne quindi membro dell’Office for Metropolitan Architecture (OMA), ha insegnato presso l’Architectural Association con i suoi collaboratori dell’OMA Rem Koolhaas ed Elia Zenghelis, quindi ha portato avanti un proprio corso presso l’AA fino al 1987. Da quel momento ha occupato la cattedra dedicata a Kenzo Tange presso la graduate school of design della Harvard University; viene insignita della Sullivan Chair presso la University of Illinois, School of Architecture di Chicago; è guest professor alla Hochschule für bildende künste ad Amburgo, alla Knolton School of Architecture in Ohio e ai masters studio presso la Columbia University di New York. Inoltre è divenuta membro onorario dell’American Academy of Arts and Letters, membro accademico dell’American Institute of Architecture ed ha ricevuto il titolo di Commander of the British empire nel 2002.

Condividi questo contenuto