Afra e Tobia Scarpa

 

Afra Bianchin nata a Montebelluna nel 1937 e Tobia Scarpa nato a Venezia nel 1935 si sono laureati presso l’istituto universitario d’architettura di Venezia e formano un’associazione professionale fra le più note. Iniziano a lavorare nel 1958 nel campo dei vetri a Murano, da Venini. Nel 1960 collaborano con gavina; il divano "Bastiano" e il letto di metallo "Vanessa", ora nella collezione Knoll International, sono i pezzi di maggior successo. Per Cassina, dove progettano tutta la collezione di mobili per la casa, sono la poltrona "Soriana", compasso d’oro nel 1970, e la poltroncina "925", esposta alla mostra permanente del Museum of modern art di New York. Dal 1960 sono, con gli architetti castiglioni, progettisti alla Flos. Ultimo successo: la lampada da terra "Papillona". Per b&b italia: "Coronado" e "Erasmo" sono i due imbottiti più noti. Una collezione di mobili estremamente raffinati è stata progettata interamente da loro per Maxalto. Ancora attuale è il sistema "Torcello" per una serie di mobili prodotta da Stildomus. Per molteni è il letto "Morna", mentre per Unifor la serie "Master", mobili per uffici direzionali. Loro è l’immagine dei negozi Benetton in Europa e in America. In architettura, il maglificio Benetton e la casa Benetton a ponzano; il restauro di villa Minelli e di casa Fragiacomo a Trieste, casa scarpa e casa Lorenzin ad Abano Terme sono alcuni dei loro lavori. I loro progetti sono esposti nei principali musei del mondo, scelti per varie mostre internazionali di design.

Condividi questo contenuto